Translate

giovedì 25 giugno 2015

L'olio d'oliva Australiano scommette sulla qualità per sfondare nei mercati.

Anche se un l'olio d'oliva sembra sia stato solo un tesoro del Mediterraneo, l'Australia si è ritagliata una nicchia in questo settore, con una qualità che sta diventando sempre più attraente sia nel paese australe e sia all'estero.

di Antonio G. Lauro


In Spagna, il principale produttore olivicolo mondiale, la siccità ha ridotto la produzione dello scorso anno, mentre nella regione italiana questa è stata molto ridotta a causa di vari fattori ambientali.
A 18 mila chilometri di distanza, in Australia, la stagione di raccolta si annuncia "buona", ha dichiarato ad AFP Lisa Rowntree, presidente dell'Australian Olive Association (AOA). Nell'emisfero "sud" del mondo - ed in Australia in particolare - la raccolta avviene da fine marzo a luglio, a seconda della regione interessata.
La storia olivicola australiana è molto recente. Immigrati italiani e greci hanno introdotto l'olivicoltura in Australia negli anni '30, ma la popolarità è arrivata molto più tardi, solamente 20 anni fa.
Attualmente, con 2,2 litri l'anno pro-capite, gli australiani sono i primi consumatori di olio d'oliva al di fuori del bacino del Mediterraneo.
Anche se questo succo d'olive è ancora importato principalmente dall'Europa, la produzione locale è sempre più richiesta. 
Oggi, oltre il 40% dell'olio di oliva consumato nella nostra terra è australiano, riferisce Rob McGavin, presidente di Boundary Bend, principale produttore di olio da olive del paese e titolare di Cobram Estate, marchio pluripremiato nei concorsi oleari internazionali. La società, che ha iniziato a produrre negli anni '90 nello stato di Victoria (sud-est del paese), ha di recente creato un impianto di produzione anche negli Stati Uniti, nella città californiana di Woodland. "Il consumo di olio di oliva è aumentato rapidamente, ma mancava la produzione locale", spiega McGavin,  il cui gruppo possiede circa 2,2 milioni di alberi di olivo.
"Gli olivi crescono molto facilmente nel sud dell'Australia", spiega Lisa Rowntree. "Abbiamo lo stesso clima del Mediterraneo, ma nel sud del mondo."
Tutti gli Stati del sud dell'Australia sono produttori di olio d'oliva. In totale, ci sono circa 700 produttori e 23 milioni di alberi di olivo nel paese.
Nel 2014, 13.500 tonnellate di olio d'oliva sono state prodotte in Australia e le previsioni per questo 2015 parlano di 20.000 tonnellate. Tuttavia, queste cifre sono trascurabili in confronto con il gigante spagnolo che, pur essendo un anno di crisi, ha prodotto (stime) 825.700 tonnellate nella stagione 2014/2015.
"L'Australia non è in concorrenza con la Spagna per la quantità (...). Vogliamo essere riconosciuti per la qualità", afferma Lisa Rowntree, per la quale il "nettare" australiano è "sempre equilibrato e fruttato", soprattutto in considerazione che quasi tutto l'olio d'oliva prodotto nel sud del paese è classificato "extra vergine".
Rob McGavin, accusa i produttori europei di esportare gli oli di qualità inferiore. "Certo che l'Europa produce ottimi oli, ma questi non vengono inviati in Australia (...). Quelli che sono qui sono a buon mercato, ma di bassa qualità", critica il CEO di Boundary Bend. "Abbiamo fatto un grande lavoro di educazione dei consumatori", spiega il produttore.
Secondo il presidente Rowntree della AOA, "da circa quattro anni, gli australiani optano per l'olio prodotto nel loro paese. Essi si basano su questo prodotto e vogliono sostenere i produttori locali". E tutto questo nonostante il costo di un extravergine australiano sia almeno del 20% maggiore rispetto alla maggior parte di oli di importazione.
I produttori australiani dovrebbero cogliere il momento di crisi produttiva in Europa, che "ha causato un aumento dei prezzi degli oli spagnoli e italiani (...) e cercare di aprire nuovi mercati", mette in evidenza Rowntree.
L'Asia, ed in particolare la Cina (36% delle esportazioni), è la priorità. Nonostante la distanza, gli Stati Uniti sono anche un possibile client, ma è difficile l'espansione in Europa a causa delle tasse per l'importazione.
A tal proposito è stata interessante l'esperienza di importazione di olio australiano in Italia, nel 2013, da parte Monini. L'olio, che ho avuto il privilegio di assaggiare in anteprima, è stato proposto in vendita esclusiva presso l'Esselunga (100% Australiano), prodotto dall’azienda umbra ad Hillstone (Nuovo Galles del Sud), da varietà di olivi italiani.

Fonte: Sidney (AFP) - modif.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento: